La disabilità non è un mondo a parte, è parte di un mondo che ha bisogno di essere educato, sensibilizzato e guidato nella cura e nella conoscenza delle persone che la vivono.

La pratica di yoga e meditazione si adatta alle particolarità di ognun*, facendo scoprire nuovi mondi di unione, nuove aree di respiro, nuovi modi di interazione con se stess* e con l’altr*.

La tecnica che ho messo a punto, dopo una lunga formazione pedagogica sia dentro che fuori il mondo dello yoga, guida chi la propone a percepire di cosa l’altro ha bisogno e a chi vive la disabilità a scoprire nuovi modi di percepirsi e di lavorare con il proprio corpo e il proprio respiro.

In questo modo si starà insieme in un contatto amorevole e consapevole, prendendosi cura di tutte le nostre parti, quelle fisiche, attraverso massaggi e lavoro sulle catene muscolari, e quelle mentali, attraverso tecniche di respirazione e meditazione, nell’intima percezione della connessione di corpo e mente, di noi con l’altr*.

La FORMAZIONE si disegna sulle persone, ad esempio la famiglia, sui gruppi di lavoro, ad esempio le strutture che lavorano con le persone disabili, sui singoli professionisti, ad esempio educatori che lavorano con persone disabili.

L’importante è passare dal “fare yoga”, all'”essere yoga”, per creare un momento di dedizione consapevole pieno sia di conoscenza della tecnica che di esperienza della vita.

Ci occuperemo di disabilità fisica, cognitiva e mista, scoprendo come lavorare con il corpo, il respiro e la meditazione, con l’ausilio di giochi, amache aeree, feet up, genese e piramidi, in modo da avere più strumenti possibili per poter adattare la pratica alla persona e portarle il massimo beneficio.

A fine formazione verrà rilasciato un Open Badge per la validazione delle competenze acquisite, come richiesto dalla normativa nazionale ed europea.

Per informazioni:
info@yogaemeditazione.it
ph. 375.513.7511